E1F44FAC-0B4D-4F1A-BF64-AB24885E4D15La sfida. Qual è? Guardiamo tutti le foto del mare limpido, delle spiagge deserte, dei delfini beati e solitari che nuotano a pochi metri dalle rive, e tutti noi rimaniamo colpiti dalla bellezza, dall’ assordante silenzio della natura.
Oggi, con lo stop della grande maggioranza delle attività umane per colpa della pandemia mondiale del Covid-19, la natura sembra finalmente respirare. E molti, per questi eventi, invocano la rivincita della natura. Ed anche la riscoperta, sensazionale, di un paradiso sotto casa sconosciuto e rivelato proprio ed unicamente in questo momento di blocco e quarantena obbligata.
Ecco, da ambientalisti ma soprattutto da cittadini, non c’è da essere troppo entusiasti di questo paradiso intoccabile e solitario. Un paradiso rivelato solo con la nostra assenza. Leggiamo ovviamente la bellezza, ma credo che la sfida non sia quella di bearci di quello che abbiamo sotto casa, che rimane tale unicamente senza noi.
La sfida Vera oggi è avere quel paradiso sotto casa e viverci. Si, viverci. È quella del giusto rapporto tra la nostra presenza, le attività umane, e questa natura così intensa. È su questo rapporto che ad esempio si è costruita la bellezza ed il mito dell’Isola di Capri. Questo rapporto, interrotto dalla smania consumistica, predatoria, è l’unica nostra salvezza. Riappropriarci dei tempi, dei modi, per vivere. Camminiamo per lasciare l’impronta più lieve, soffermiamoci ed ascoltiamo ciò che ci circonda. Abbiamo ora bisogno di una nostra individuale “Rievoluzione”. Perché altrimenti rischiamo che le nostre vite non vedano e godano di nessun paradiso sotto casa.

9CB53574-03E7-44BF-AFEF-6059CCAE0644

Nabil Pulita

Un commento per “La sfida. Qual è?

  • Grazie Nabil per avermi scritto. Io ti ho conosciuto molti anni fa per aver fatto con la tua guida il cammino dei Fortini. Una bellissima passeggiata. Vorrei pregarti di informarmi sulle prossime escursioni e soggiorni che Legambiente organizzerà appena l’energenza sarà passata.
    Un caro saluto.
    Maria Antonietta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

(Inviando un commento dichiari di accettare la nostra Privacy policy)