image

E’ e’ notizia di questi giorni, pubblicata attraverso il sito dell’Agenzia del Demanio statale italiano, l’elenco dei beni che lo stato, attraverso il cosiddetto federalismo demaniale, sta cedendo agli enti locali, in primis i Comuni. Qualche anno fa come Legambiente lanciammo l’allarme che il fortino di Orrico ad Anacapri rischiava di diventare privato attraverso la “white list”, cioè una lista di beni che il Demanio statale aveva messo a disposizione per essere venduti. In questa lista di beni immobili da vendere (deprezzati) c’erano varie particelle, terreni e beni storici appartenenti alla nostra isola. Ci accorgemmo che tra questi beni c’era anche il fortino di località Orrico ad Anacapri, e lanciammo l’allarme SAVECAPRI, perché un noto imprenditore stava acquistando notevoli porzioni di territorio e l’intenzione “poteva essere” quella di perdere una fetta consistente di costa e territorio demaniale, pubblico cioè.

Oggi la notizia dall’Agenzia del Demanio: le richieste attraverso l’inoltro delle domande eseguite il 04/10/2013 con il numero di pratica 180 e 788 da parte del Comune di Anacapri ha avuto parere negativo. Si tratta di due richieste per due fortini (facenti parte del percorso naturalistico denominato sentiero dei fortini della costa occidentale dell’isola) “diruti, semicircolari, interclusi in particelle costituenti costoni rocciosi strapiombanti sul mare”, si legge.

Il rilascio del parere negativo (il 30/01/2015) non presuppone riesame da parte dell’Agenzia del demanio, perché la motivazione è che ci siano mancanze dei presupposti motivazionali nella richiesta dell’ente locale.

Un vero peccato, anche perché motivazioni ce ne sono, come quella di tutelare quei luoghi storici dalle mani di privati, ma probabilmente queste motivazioni non sono state descritte, o messe in luce. Intanto l’alienazione, cioè la vendita, dei nostri fortini è scongiurata, aldilà di chi sia il proprietario…ma bisogna tenere gli occhi aperti, perché nelle maglie della burocrazia può passare di tutto se non si sta attenti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

(Inviando un commento dichiari di accettare la nostra Privacy policy)